Lo scrittore egiziano ʿAlāʾ al-Aswānī 1957

 

ʿAlāʾ al-Aswānī   è uno scrittore egiziano. Nato al Cairo da una  famiglia borghese, figlio di un avvocato e scrittore, ʿAbbās al-Aswānī, originario di Assuan (nella Bassa Nubia), al-Aswānī ha compiuto i suoi studi superiori presso un liceo egiziano di lingua francese e ha studiato odontoiatria negli Stati Uniti presso l’Università dell’Illinois, a Chicago. Esercita tuttora la professione di dentista.

 

 

Collabora regolarmente con i giornali dell’opposizione ed è vicino agli intellettuali di sinistra, in particolare allo scrittore Son’allāh Ibrahim.

Si dichiara indipendente a livello politico ma è uno dei membri fondatori del movimento di opposizione Kifāya (“Basta così”) che reclama le elezioni presidenziali libere in Egitto.

Il suo romanzo, “Palazzo Yacoubian”, pubblicato nel 2002 è un vero e proprio fenomeno editoriale nel mondo arabo ed è stato tradotto velocemente in una ventina di lingue.

Vi è descritta la brulicante vita di un edificio del centro, un tempo grandioso, della città del Cairo in cui gli abitanti affrontano la corruzione opprimente del regime e l’aumento della pressione islamica. Nel 2006 da questo libro è stato tratto anche il film The Yacoubian Building.

Prosegue con il romanzo Chicago, pubblicato nel 2006, che dipinge la vita degli studenti arabi negli Stati Uniti dopo i fatti dell’11 settembre 2001. Anche questo libro ottiene un enorme successo in termini di vendite.

L’ultima sua opera, “Se non fossi egiziano”, è una raccolta di racconti,  il primo del quale scritto negli anni novanta. Sebbene sia ideologicamente vicino agli scrittori di sinistra come Son’allāh Ibrāhīm, ʿAlāʾ al-Aswānī adotta uno stile realista e diretto, che lo rende comprensibile a un vasto pubblico di lettori, senza sacrificare la potenza della narrazione.

La sua abilità nel catturare la vita rigogliosa dell’Egitto in tutte le sue diversità ha fatto sì che venisse paragonato al Premio Nobel per la letteratura Naghib Mahfouz.

Dalle sue opere si ricordano :

Palazzo Yacoubian (عمارة يعقوبيان  ʿImārat Yaʿqūbyān, 2002), Feltrinelli 2006.

Se non fossi egiziano (نيران صديقة Nīrān sadīqa, 2004), Feltrinelli 2009 , raccolta di racconti

Chicago (شيكاغو Shīkājū, 2007), Feltrinelli 2008 , romanzo

La rivoluzione egiziana, الثورة المصرية) (Feltrinelli 2011, saggio,

Cairo Automobile Club, ( نادي السيارات Nadi aS-sayyarat (Feltrinelli 2014, romanzo.

 

 

Cfr:

https://it.wikipedia.org/wiki/%CA%BFAl%C4%81%CA%BE_al-Asw%C4%81n%C4%AB

 

 A cura del

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 
This entry was posted in Volti e Tracce. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento