Lo Yazidismo

 

Lo Yazidismo (in curdo: ئێزیدی‎‎, Ēzidī, Īzidī, in arabo: ﻳﺰﻳﺪﻱ‎, Yazīdī, è una fede religiosa diffusa nelle regioni del Sinjar iracheno da prima della comparsa in quelle regioni dell’Islam. I suoi fedeli sono chiamati in turco Čyrāġ Söndüren, ossia “spegnitori di lampade”.

Ciò potrebbe dipendere dalla calunnia espressa da certa faziosa manualistica islamica riguardante le fedi non islamiche o considerate eretiche, secondo cui gli yazidi farebbero ricorso sfrenato al libertinaggio – praticato in questo caso nell’oscurità – o all’omosessualità, anche se è probabile che l’espressione sia ricollegabile alla convinzione yazidi – espressa nel Maṣḥaf rash – secondo cui il mondo sarebbe stato creato da Dio dopo aver creato sei angeli «dalla sua essenza e dalla sua luce… come quando un uomo accende una lampada da un’altra».

 

 

Giuseppe Furlani, nel suo Religione dei Yezidi. Testi religiosi dei Yezidi, a proposito della corriva definizione degli yazidi come di “adoratori del diavolo”, ricordava le osservazioni di Richard Carnac Temple, che nel suo studio The Yezidis or devil-worshippers of
Mosul, aveva qualificato l’espressione Šeyṭān-perest “inesatta e falsa” e “inventata specialmente dagli Europei che viaggiarono in Oriente – imbevuti di cristianesimo – per descrivere una forma di religione estranea alla loro mentalità, essendo l’adorazione del Diavolo – in realtà – l’adorazione di spiriti soprannaturali da parte di animisti primitivi, spiriti chiamati diavoli segnatamente dai missionari cristiani per far sentir ribrezzo ai nuovi convertiti per gli dèi prima adorati”, anche se Furlani sottolineava che “si può … dire in un certo senso che adorano il Diavolo, perché il loro Dio è l’angelo supremo caduto dal suo seggio, ma poi rimesso da Dio al suo posto primitivo” (n. 1, p. 1).

Lo Yazidismo è una religione monoteista, la cui origine è discussa in ragione anche dell’accentuato esoterismo delle sue dottrine, che consentono solo agli iniziati di accedere al suo nucleo più autentico. Alessandro Bausani, uno dei massimi esperti italiani di islamistica della sua generazione, osserva che, anche se lo Yazidismo “è ancora elencato fra le sette musulmane per motivi pratici e, anche, se è vera l’opinione del Guidi, per la sua origine e per qualche nome arabo e persiano che vi si incontra”, di fatto sembra che la dottrina yazidi “praticamente nulla abbia di islamico”, tanto da poter “ben essere messa assieme a residui di sette gnostiche del Vicino Oriente del tipo dei mandei”.

I fedeli dello Yazidismo venerano Sette Angeli, emanazioni del Dio primordiale, di cui il primo e più importante è l’Angelo Pavone (Tawisi Melek), che “cadde, ma essenzialmente buono, pianse, e le sue lacrime di pentimento, deposte in settemila anni di pianto ininterrotto in sette anfore, hanno estinto le vampe dell’inferno”. Erroneo, malgrado un frequente ma erroneo uso giornalistico, è considerare il termine “yazidi” come un etnonimo, poiché la loro etnia è quella curda, mentre lo Yazidismo va riferito a una specifica religione.

 

Cfr:

https://it.wikipedia.org/wiki/Yazidismo

 

A cura del

Centro Studi e Ricerche di Orientalisticha

 

 
This entry was posted in Popoli. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento