L’artista egiziano Usama al-Sirwi

 

La natura russa, gli artisti egiziani appartenenti all’epoca d’oro e le celebrità del mondo della letteratura, dell’arte e della musica: questi sono i contenuti che predominano nelle opere dell’artista egiziano Usama Al-Sirwi.

Avendo la possibilità di visitare il Cairo o Alessandria o anche Mosca, arrivando fino a San Pietroburgo e  Tashkent, si possono osservare le sculture e le statue di Usama che adornano alcune piazze.

 

 

Fa’id Mustafa, ambasciatore palestinese in Russia, ha ffermato: «Constatiamo un contributo significativo nell’impronta artistica delle sue opere, sia pittoriche sia scultoree. Anche noi, in quanto palestinesi, abbiamo potuto usufruire della sua creatività attraverso la realizzazione di una statua dedicata a Mahmoud Darwish».

Un momento culminante ha visto offrire ai visitatori della mostra, intervenuti alla cerimonia d’apertura, intermezzi musicali con il flauto armeno ed il canto popolare russo. L’arte unisce i popoli e le civiltà senza il bisogno di alcuna traduzione e l’artista Usama ha trasformato il suo pennello in un ponte che collega lo spirito arabo alla terra russa.

Nell’ambito della cerimonia di apertura si è assistito anche ad un importante evento in quanto l’Accademia Russa delle Arti, per la prima volta nella sua storia, ha insignito del titolo di membro effettivo un artista straniero.

Mohammed Al-Badri, ambasciatore egiziano in Russia, ha dichiarato: «La mostra rivela senza dubbio, un’arte e uno stile molto raffinati, una evidente abilità e la capacità di dare corpo e visibilità alle proprie creazioni – il che è, certamente, notevole ma ritengo che, tra le principali qualità del suo lavoro, vi sia quella di riflettere lo spirito egiziano».

In un Paese famoso per la sua arte e la sua cultura, il pennello dell’artista ha scritto:  «Ricordatevi: io sono arabo e figlio di una civiltà!». Così Usama ha invitato i figli del suo popolo ad attingere alle abbondanti fonti della conoscenza presenti in Russia.

L’artista e scultore Al-Sirwi ha asserito: «Voi siete figli di una civiltà e dovete esserne degni. Attingete alle fonti e alle sorgenti della conoscenza di questo Paese: sono fonti limpide, splendenti, scintillanti e generose. Il popolo russo è un popolo generoso.

Anche i professori e gli insegnanti russi hanno molto da offrire nel campo della musica, delle arti, della pittura, così come delle scienze. Ispiratevi alle loro scienze e alle loro arti e restate in contatto con la loro cultura e di conseguenza a livello umano. Una relazione culturale costituisce un “ponte” molto importante per la comunicazione umana».

Accademici e artisti sono stati presenti alla mostra confermando che i Paesi arabi in generale e l’Egitto in particolare sono la culla delle arti, ma Usama Al-Sirwi ha sollevato una critica circa il motivo della mancanza di interesse da parte della patria araba nei confronti dell’arte e degli artisti, della scultura e degli scultori.

 

Giorgia Mappa

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 

 
This entry was posted in Mostre. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento