Il museo nazionale di Riyad

 

Il museo nazionale di Riyad è stato istituito per svolgere un’importante funzione storica e culturale attraverso l’esposizione di rilievi, modelli e informazioni circa le diverse epoche che hanno caratterizzato la penisola arabica.

Questa ricostruzione rappresenta uno degli antichi elefanti che vivevano nella penisola 17 milioni di anni fa, secondo le stime degli esperti. Le riproduzioni grafiche illustrano gli animali e le piante estinti che un tempo la popolavano.

 

 

L’antica penisola arabica, costituita da laghi e foreste,  era abitata da diverse specie di animali di grandi dimensioni. La sala del museo presenta reperti dell’età della pietra, come questo sito archeologico situato a nord-est della capitale Riyad, e mostra lo stile di vita che si conduceva decine di migliaia di anni fa e gli strumenti in uso durante l’età della pietra, che rappresentano i reperti più antichi rinvenuti nella penisola arabica.

Inoltre, la sala offre un sistema integrato che ricostruisce l’ambiente del regno dell’Arabia Saudita costituito da mari, deserti di sabbia e oasi. Durante la sua visita al museo nazionale, il turista si sposta verso la sala delle dinastie arabe, che coprono un periodo di tempo che va dal VI millennio a.C. fino al IV secolo d.C.

La sala offre una spiegazione dettagliata dell’evoluzione della scrittura, dai simboli alle lettere, fino alla comparsa della scrittura araba. La sala espone anche la ricostruzione della tombe di Dilmun che rappresentano l’epoca degli antichi regni arabi, nati nella regione orientale del regno dell’Arabia Saudita, e ricostruzioni di altre antiche civiltà come quella della tomba nabatea di Madahine-Saleh.

Vi sono anche ricostruzioni che riguardano le antiche civiltà che regnavano intorno alla penisola araba in cui dominavano città come Tayma, Al-Faw e Dumat al-Jandal. Di notevole importanza sono le riproduzioni degli edifici e degli strumenti dell’epoca.

La sala accoglie anche una serie di preziosi tesori come la testa di leone proveniente dalla regione del Najran e come le monete d’oro rinvenute nelle tombe della civiltà Taj. Vi sono, inoltre, numerosi reperti che descrivono e illustrano gli stili di vita al tempo degli antichi regni arabi.

Viene anche descritto il flusso degli scambi commerciali tra le città della penisola, come il commercio di spezie, profumi, incenso e mirra.

 

 

All’interno del museo nazionale di Riyad vi è una sala particolare dedicata all’epoca pre-islamica. Quest’ultima rappresenta il periodo della Jahilyya (ignoranza) che descrive la vita delle tribù arabe e i modelli delle abitazioni di quel tempo.

In ultimo, le esposizioni di vasellame, di monete e di strumenti illustrano la vita sociale quotidiana del tempo. La sala ospita anche sculture in pietra, ritrovate nella parte occidentale della penisola araba, alcuni accessori per la casa e stoviglie in ceramica.

 

 

 Rossella De Luca

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 

 
This entry was posted in Musei. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento