Gli Armeni in Egitto oggi 2

 

Oggi la maggior parte degli Armeni egiziani, stanziati permanentemente in Egitto, sono nati in questo paese e hanno pertanto nazionalità egiziana. Si contano circa 6000 Armeni, concentrati per lo più al Cairo. Oggi le tecnologie moderne e le strutture quali scuole e associazioni favoriscono l’incontro tra Armeni egiziani e consentono di  ravvivare quel patrimonio culturale ed identitario ereditato dai propri avi.

 

 

Così che la scuola armena in Egitto riveste da sempre un ruolo fondamentale nella preservazione della lingua armena. Tuttavia, l’Armenia spesso resta ai loro occhi un mito, un’entità folcloristica fatta di storie e pratiche trasmesse da generazione in generazione. Si tratta di uno strato culturale ed identitario che si somma a quello nazionale.

Inoltre, le generazioni più giovani di Armeni, che sono spesso il frutto di matrimoni tra Armeni ed egiziani, cristiani o mussulmani che siano, non parlano la lingua armena, né frequentano scuole armene. In questo contesto la chiesa armena e le altre istituzioni apolitiche assumono un ruolo fondamentale di unione. La Prelatura della Chiesa Armena Apostolica in Egitto, sotto la giurisdizione di Etcmiadzin, città in cui si trova l’omonimo santuario, veglia sul patrimonio della comunità armena.

Dal punto di vista confessionale, gli Armeni egiziani oggi si dividono in Armeni apostolici, conosciuti anche come ortodossi o gregoriani, appartenenti alla Chiesa Apostolica Armena, ed armeni cattolici, che fanno riferimento alla Chiesa Cattolica armena. Vi sono anche armeni egiziani seguaci delle chiese evangeliche armene.

Inoltre la comunità armena opera nell’ambito di varie associazioni come, fra l’altro, la Croce Rossa Armena, l’Unione Generale Armena di Beneficienza, l’associazione culturale Housaper.  Anche nell’ambito sportivo si ritrovano squadre armene di calcio, basket e tennis. E’ presente anche una casa di riposo armena e strutture giovanili che ospitano attività come la compagnia di danza folcloristica Zankezour, il coro di Zevartnots ed il  coro di bambini di Dzaghgasdan.

 

 

Per quanto riguarda la stampa, in Egitto attualmente esistono 2 quotidiani armeni, l’ Housaper e l’Arev, ed il settimanale Tchahagir, affiliati ai partiti politici armeni. Tra i periodici troviamo il mensile Arek e il mensile Arev, supplemento all’omonimo quotidiano. A differenza delle minoranze armene in Siria o in Libano, gli Armeni in Egitto tendono a restare fuori dal contesto politico, nonostante storicamente abbiano contribuito ampiamente alla vita pubblica politica d’Egitto.

Ne è un esempio Nubar Pasha, illustre politico che fu anche Primo ministro egiziano. Grande è stato anche il loro contributo in ambito economico, accademico ed artistico. Basti pensare ad Alezander Saroukhan, caricaturista  questi ,  che ha stabilito il canone artistico nell’ambito della caricatura in tutto il mondo arabo.

Sabrina Rizzo

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 

 
This entry was posted in Armenia. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento