Le lettere dell’alfabeto arabo.

 

Secondo alcuni studiosi,  le lettere arabe sono belle e preferibili per la vista [1] .  Ogni lingua ha le sue lettere, e ci sono certe lettere comuni tra le lingue ed altre soltanto sue. Per quanto possano essere le lettere pronunciate e scritte in qualsiasi lingua, non si può includere tutti i suoni che possono essere pronunciati dall’organo della voce umana,  che inizia dalla laringe, passando dalla faringe per uscire dal condotto orale attraverso l’opportuna articolazione delle labbra.

 

 

I filologi hanno registrato più di duecento suoni emessi dai bambini nella loro prima fase della pronuncia delle parole; tale numero di suoni non esiste in nessuna lingua antica o contemporanea, come nello scritto e nel parlato.  Questo numero di suoni, inizia a diminuire finché arriva ai suoi utilizzati da coloro che li circondano e sono presenti nella sua lingua nazionale, patriottica e regionale, anche se rimane la sua predisposizione a i suoni delle altre lingue.

Per quanto questa predisposizione aumenti nel tempo, ed aiuti la persona a pronunciare suoni oltre quelli della lingua madre, tuttavia essa è limitata abbastanza negli adulti per pronunciare tutti i suoni ricevuti all’età dei bambini. L’articolazione dei suoni è ridotta nell’organo umano, il suo uso effettivo nel pronunciare i suoni di qualsiasi lingua sono ancora di meno, ed alcuni di essi possono essere articolati correttamente solo in un modo, come tutti i suoni della lingua araba classica e pura.

Alcuni di loro hanno tipi di articolazione molto vicini l’un l’altro. La lingua araba non è immune da questa confusione ed ambiguità, e da qua scaturisce la sua purezza e chiarezza dei suoi suoni, in quanto ogni suono è separato e distinto dagli altri nella pronuncia e nell’ascolto.

Ogni suono ha una sola lettera e ogni lettera ha un suo suono, il che non ha luogo nelle altre lingue[2] La maggior parte delle lingue semitiche, alla quale appartiene la lingua araba, non superano come numero di lettere nella grafia le ventidue, ordinate in gruppi di lettere nelle seguenti parole , gli scriviamo senza mozioni : ابجد ( abğd), ھوز (hwz), حطى (hṭà), كلمن ( klmn), صعفض  ( ṣ‘fḍ) e قرست  (qrst ) ”.

Nella lingua araba ci sono altre sei lettere raccolte nelle seguenti due parole: t h d , ḍ ẓ ‘, cioè le lettere  ث (thā’), خ (hā’),  ذ (dāl), ض (ḍād ),  ظ (zā), ع (‘ayn) queste lettere sono chiamate al-rawādif (le seguenti) che seguono le ventidue lettere delle lingue semantiche. Questo ordinamento è chiamato ابجدﯿﺔ  abğadiyyah  (alfabetico).

Gli antichi raggrupparono le lettere in parole per facilitarne la conservazione e la memorizzazione, come visto in precedenza. Questo ordine alfabetico è diffuso nel Mašriq (Vicino Oriente) accanto a quello esistente nei paesi del Maġrib (Marocco, Algeria, Tunisia e Libia) a cui questo si uniforma per le prime quattordici lettere: “abğd, hwz, ḥṭà, klmn”, poi si completa in questa maniera: “ṣ‘fḍ, qrst, t h d , ḍ ẓ ‘. L’ordine più diffuso nei paesi del Mašriq è il seguente: alif, bā’, tā’, thā,, gīm, ḥā’, hā’, dāl, dāl, rā’, zā’, sīn, šīn, ṣād, ḍād, ṭā’, ẓā’, ‘ayn, ġayn, fā’, qāf, kāf, lām, mīm, nūn, hā’, wāw, yā’.  Si vede in questo ordine che si sono raggruppate le lettere simili nella forma e, questo metodo, si chiama “pedagogico” od “ortografico”. Tale ordine è quello usato nell’insegnamento sia per i bambini che per gli adulti.

 

 

Alfabeto Arabo               Nome                        Trasletterazione

 

ﺍ                                             alif                                         a- ā

ب                                            bā’                                            b

ت                                            tā’                                             t

ث                                            thā’                                         t (th)

ﺝ                                             gīm                                          ğ

ح                                             hā’                                           ḥ

ﺥ                                             hā’                                        h (kh)

ﺩ                                             dāl                                         d (dh)

ﺫ                                             dāl                                         d (dh)

ر                                              rā’                                             r

ز                                              zā’                                            z

س                                             sīn                                            s

ش                                             šīn                                     š (sh)

ﺺ                                             ṣād                                           ṣ

ﺾ                                             ḍād                                          ḍ

ﻄ                                              ṭ̣ā’                                            ṭ

ظ                                              ẓā                                             ẓ

ع                                            ‘ayn                                           ‘

غ                                             ġayn                                 ġ (gh)

ﻒ                                             fā’                                             f

ق                                              qāf                                             q

ك                                              kāf                                             k

ل                                              lām                                             l

م                                               mīm                                           m

ﻦ                                              nūn                                            n

ﻩ                                              hā’                                             h

و                                              wāw                                           w

ﻱ                                              yā’                                             y

 

Kegham Jamil Boloyan

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 


[1] Iḥ̣sān Ḥaqī, Da΄wah li  i’ādat al-nadar fi’l ḥ̣urūf al-‘arabbiyyah (un invito a rivedere le lettere arabe ) in  “al-‘Arabī“ XX , n 231 (1978) p . 95.

[2] al-Tūnisī Muḥ̣ammad Halifa., Luġat al-Ḍād ḥurūfuhā  aktaru  wafā’an  wa šumulā ( la lingua del Ḍād : le sue lettere sono più fedeli e più predominanti ) in “ al-‘Arabi “  XVIII , n 206 , ( 1976 ) p. 131     

 
This entry was posted in Linguistica. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento