Poesia e cultura araba nella Sicilia medievale

 

Un gran patrimonio di immagini raffinatezza e perfezione formale sono le caratteristiche della poesia araba.

Di questa grande letteratura tratta il nostro autore, ricalcando le tematiche più frequenti della nostalgia per la terra lontana, rimpianto per la giovinezza trascorsa, gli accenti, sullo stile dell’elegia greca, contro i Normanni invasori, la tristezza per un’amara condizione di esilio.

 

 

Un motivo molto presente nella poesia arabo-siciliana è il tema amoroso o erotico che ha i suoi stereotipi: la donna dai denti candidi come perle e le labbra rosse come corallo, viso splendente come la luna o il sole, corpo flessuoso come tenero salice, capelli neri come la notte.

Il suo amore serve a guarire il poeta malato di passione, ma ella, crudele, si nega e si compiace di straziare il cuore dell’innamorato col rifiuto. Non mancano i lamenti per la separazione, i battibecchi fra amanti, le insonnie per causa d’amore.

Sono numerosi gli oggetti che servono da pretesto all’arte raffinata della poesia: fiori, frutti, mare, luna, stelle, animali, spade, candele, vino. Un viaggio attraverso una Sicilia medievale ricca di cultura e poesia.

 

Pietro Cutrupi,docente a contratto di Lingua e Letteratura Araba presso l’Università per Stranieri “D.Alighieri” (Reggio C.) e di Lingua Araba e Mediazione Linguistica Scritta presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici (Reggio C.), fa parte del Gruppo di Ricerca “Geopolitica, Sicurezza e Intelligence nell’Area del Mediterraneo” presso il Centro di Ricerca MEDAlics e del Centro di Traduzioni Italiano-Arabo presso l’Università di Gafsa (Tunisia).

Pietro Cutrupi, Poesia e cultura araba nella Sicilia medievale «Fin quando mi vorrete da voi esule e bandito?».Ed. Città del Sole Edizioni, 2014,Pg. 176 .

 

 

Cfr:

https://www.ibs.it/poesia-cultura-araba-nella-sicilia-libro-pietro-cutrupi/e/9788873516934

http://www.medalics.org/index.php/pietro-cutrupi/?lang=it

 

A cura del

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 
This entry was posted in Libri. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento