” Ya bu Mar’i ” يا أبو مرعي

 

Cari  interessati allo studio della lingua araba parlata ,  in queste pagine  vi proponiamo la lettura e l’ascolto di un testo scritto e cantato in arabo parlato (libanese),con lo scopo  di aiutarvi a rendere più scorrevole la  lettura e facilitare la comprensione  della lingua araba .

Si consiglia naturalmente di ascoltare più volte al giorno finche non vi diventa  naturale . L’esito sarà  positivo  di sicuro ma anche  soggettivo , ovvero più una persona dedica tempo alla lingua, più la lingua cresce dentro e con la persona.

 In queste pagine vi proponiamo  :

La canzone ” Ya bu Mar’i ” يا أبو مرعي

Una nota biografica della cantante Georgette Sayegh.

Una nota biografica del cantante Wadi’ el Safi.

 Le parole della canzone in arabo libanese.

La traduzione  del testo dall’arabo in italiano.

Il lessico dettagliato del testo dall’arabo in italiano.

 

 

Georgette Sayegh, Cantante ed attrice libanese,  iniziò il suo percorso artistico alla fine degli anni  ‘60 , fu famosa per  le sue canzoni incise con ritmo veloce , ebbe diversi  ruoli in vari musical  dei fratelli Rahbani, collaborò con Fayrouz a tanti spettacoli  . Fu la protagonista della  commedia  Sahriye (Una Serata di Festa ) scritta e composta da Ziyad Rahbani ( figlio di Fayrouz). Si ritirò dalle scene alla fine degli  anni  ‘70.

 

Wadi’ el- Safi , Cantautore e attore libanese nato a Niha, Libano, nel 1921. E’ un’ icona culturale , spesso chiamato la “Voce del Libano”. El Safi è di  formazione classica ( Baritono), dopo aver studiato presso il Conservatorio Nazionale di Musica di Beirut. Fu conosciuto a livello nazionale quando, a diciassette anni,vinse un concorso promosso dalla Lebanese Broadcasting  Rete.

El Safi cominciò a comporre ed eseguire brani  ispirati alla sua educazione rurale e alle melodie d’amore tradizionali, composte da un suono urbano e dalla creazione di un nuovo stile di musica folk moderna libanese. Si è esibito nelle sedi di tutto il Medio Oriente. Nel 1947, si recò in Brasile, dove rimase fino al 1950. Dopo il suo ritorno in Libano,  continuò a
sviluppare la musica popolare  scegliendo  la poesia e lazajal (genere di poesia popolare cantata araba) che aspira al  patriottismo e si concentra sull’ amore, sulla devozione, sulla morale e sui valori . Gli è stato conferito un dottorato honoris causa dalla “Santo Spirito di Kaslik University” in Libano .

 

 

 

 

 يا أبو مرعي

أيه مين ؟

أنا سلمى

شو قلتي ؟

هايدة سلمى يا أبو مرعي

كيفِك كيفِك يا سلمى

نشكُر الله

شو قلتي؟

عم تقلَك نشكُر الله

يا مسكين ياأبو مرعي

شو سمعه ثقيل

يا مسكينة يا سلمى

شو سمعها ثقيل

 

ياأبو مرعي

أيه أيه

بدي فواكهِ

شو قلتيِ؟

بدها فواكهِ يا أبو مرعي

تكرم عينيك يا سلمى

لحمة وخضرة

شو قلتي؟

عم تقلَك لحمة وخضرة

يا مسكين يا أبو مرعي

شو سمعه ثقيل

يا مسكينة يا سلمى

شو سمعها ثقيل

شو سمعه ثقيل

شو سمعها ثقيل

Traduzione libera

O Abu Mar ‘i

Si. Chi è ?

Sono Salmà

Cosa hai detto?

Questa Salmà O Abu Mar ‘i

Come stai ? come stai O Salmà ?

Grazie a Dio

Cosa hai detto?

Ti sta dicendo grazie a Dio.

Poverino Abu Mar‘i quanto il suo udito è pesante.

Poverina Salmà quanto il suo udito è pesante

 

O Abu Mar ‘i

Si. si

Voglio frutta

Cosa hai detto?

Vuole frutta O Abu Mar ‘i

Ben volentieri O Salmà

Carne e verdura

Cosa hai detto?

Ti sta dicendo carne e verdura

Poverino Abu Mar ‘i  quanto il suo udito è pesante.

Poverina Salmà quanto il suo udito è pesante

Quanto il suo udito (m) è pesante.

Quanto il suo udito (f) è pesante.

 

 

مفردات lessico

 

يا  (o) vocativo

أبو مرعي padre di Mar‘i

أيه  si

مين ؟ chi è

أنا سلمى io sono Salmà

شو قلتي ؟ cosa hai detto? (2p.f)

هايدة questa

كيفِك come stai (2p.f.)

نشكُر الله grazie a Dio

عم تقلَك ti sta dicendo

يا مسكين o poverino

شو quanto

 سمعُه = سمع + ه il suo utdito;  il suo sentire

ثقيل è pesante

يا مسكينة o poverina

سمعَها il suo sentire

بدي voglio

 فواكهِ frutta

بدها vuole

تكرم عينيك ben volentieri  (lett:in onore ai tuoi occhi)

لحمة carne

 و (e) coniugazione

خضرة verdura

 

Kegham Jamil Boloyan

A cura del

Centro Studi e Ricerche di Orientalistica

 

 

 

 

 
This entry was posted in L. Libanese, Musica. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento